Login Pop-up

Data
Notti
Camere

BestRate

Venerdì, Febbraio 12, 2016
Sort By: Direction:
  • ALEX BRITTI "IN NOME DELL'AMORE TOUR"

    ALEX BRITTI "IN NOME DELL'AMORE TOUR"

    ALEX BRITTI "IN NOME DELL'AMORE TOUR"

    TEATRO AUGUSTEO di NAPOLI
    27 APRILE

    Il cantautore romano è tornato, dopo un paio di anni di assenza, sulle scene con questo suo lavoro, che stupisce prima di tutto per le sonorità diverse da quelle a cui per anni ci aveva abituato: la chitarra elettrica sostituisce infatti la chitarra acustica, che lo ha da sempre contraddistinto, per raccontare l’amore in tutte le sue forme, che sia l’amore per una donna o per la musica.

  • Il teatro Mercadante

    Il teatro Mercadante

    ll Teatro Mercadante nacque con il nome di Teatro del Fondo, dal nome della società che costruì la struttura nel 1778, con i proventi confiscati dal disciolto Ordine dei Gesuiti. 

  •  PEPPE BARRA "CONCERTO D'AMORE"

    PEPPE BARRA "CONCERTO D'AMORE"

    TEATRO DELLE PALME di NAPOLI

    PEPPE BARRA "CONCERTO D’AMORE"

    DAL 07 AL 10 APRILE

    Recitar cantando – musica, poesie, canzoni

    con Complesso Strumentale Modus Art

    Il legame con la cultura e la tradizione napoletana è fondamentale per un artista che, attento alle sfumature e con energia istintiva e travolgente, fa convivere nei suoi spettacoli suoni e parole in una forma di inseguimento e fusione, ricercando Napoli, raccogliendola nei suoni della sua memoria orale, che egli non intende perdere, nei mercati, nei vicoli, lungo le brezze dei suoi porti, dove si mescolano suoni e ritmi.

     

  • Il teatro Bellini

    Il teatro Bellini

    Si trova nei pressi del Museo Nazionale, del Conservatorio di San Pietro a Majella e dall'Accademia di Belle Arti.

  • DI MAMMA NON CE N'è UNA SOLA

    DI MAMMA NON CE N'è UNA SOLA

    TEATRO DELLE PALME di NAPOLI

    MAX TORTORA e PAOLA TIZIANA CRUCIANI in

    "DI MAMMA NON CE N’E’ UNA SOLA"

    dal 03 al 06 marzo

    di Max Tortora e Paola Tiziana Cruciani

    con Enzo Casertano, Manuela Bisanti, Sabrina Crocco, Valentina Galdiero

    L’ingegner Massimiliano Piccioni, vive una vita tranquilla con la giovane moglie. Nonostante la loro differenza di età, il matrimonio sembra funzionare. Solo una cosa il buon Massimo non ha mai sopportato della sua giovane moglie: la suocera brontolona...Sarà guerra a tutti gli effetti: dispetti, ricatti, smascheramenti, una convivenza impossibile nella quale i due nemici arriveranno addirittura alle mani fino a scoprire che in fondo si somigliano più di quanto pensavano.

     

  • Il teatro Sannazzaro

    Il teatro Sannazzaro

    Il teatro Sannazaro si trova in Via Chiaia, una delle strade più eleganti di Napoli. Fu costruito nella seconda metà dell’800 su di un terreno ...

  • ALCAZAR

    ALCAZAR

    TEATRO DELLE PALME di NAPOLI

    dal 25 al 28 febbraio

    ALCAZAR

    GIANFRANCO D’ANGELO e PATRIZIA PELLEGRINO

    di Gianni Clementi

    Un teatro di varietà di terzo ordine. Ma anche, in spagnolo, la fortezza. E nei momenti di pericolo cosa si fa in una fortezza? Ci si barrica dentro. La fortezza diventa rifugio. Ed è proprio in un rifugio antiaereo, nella Roma del ’43/44, che una scalcinata compagnia di varietà, fra un bombardamento e l’altro, è costretta a preparare il nuovo spettacolo

     

  • Il Maschio Angioino

    Il Maschio Angioino

    Il nome di “Maschio Angioino” deriva da “mastio” (torre principale) fatto costruire nel 1300 dagli Angioini: viene anche chiamato ...

  • ENRICO BRIGNANO "EVOLUSHOW"

    ENRICO BRIGNANO "EVOLUSHOW"

    ENRICO BRIGNANO
    TEATRO AUGUSTEO DAL 29 AL 31 MARZO

    Enrico Brignano torna a raccontare i nostri tempi con uno show tutto nuovo, dedicato all'evoluzione dei comportamenti e al nostro rapporto ormai vitale con la tecnologia.
    Allora, se il destino dell'uomo deve cambiare, è mutante... Queste sono le prime riflessioni che hanno portato Brignano a decidere di fare uno spettacolo nuovo, sull'evoluzione umana. Questo spettacolo darà una risposta a tutte le domande che ci facciamo ogni giorno, e per tutte le domande c'è sempre un'unica risposta....Guarda su Internet. In due ore, Brignano racconterà millenni di storia, dal paradiso terrestre al digitale terrestre, dalla mela di Adamo alla mela di Jobs, dal fossile al missile.
    Il racconto si snoderà all'interno di una scenografia tecnologicamente avanzata, con un disegno luci suggestivo, con la magia di presenze virtuali che interagiranno con Brignano sul palco

  • Il Castel Sant'Elmo

    Il Castel Sant'Elmo

    Occupa la sommità della collina del Vomero, la più alta della città. Fu fatto erigere con il nome di BELFORTE nel 1300 dagli Angioini.

  • DANIELE SILVESTRI

    DANIELE SILVESTRI

    DANIELE SILVESTRI IN CONCERTO

    TEATRO AUGUSTEO  22 MARZO

    Silvestri sottolinea che per la prima volta in vent’anni di carriera farà un tour interamente teatrale ,inoltre, per la prima volta  il lavoro sul live si è sviluppato contemporaneamente al lavoro sul disco, come  una sorta di allestimento in progress,con tanta voglia  di sperimentare, e  di lasciare che siano le canzoni stesse a trovare la loro collocazione naturalmente nella scaletta.

  • Il Castel Capuano

    Il Castel Capuano

    Comunemente conosciuto come “Vicaria”, Palazzo del Tribunale (attualmente ne ospita qualche ufficio mentre la sede principale ...

  • FRANCESCO DE GREGORI

    FRANCESCO DE GREGORI

    DE GREGORI IN CONCERTO

    TEATRO AUGUSTEO  8 MARZO 
     
    Soprannominato "il Principe" dei cantautori, De Gregori presenta uno stile originale, da molti imitato.

    Nelle sue canzoni troviamo dal punto di vista musicale sonorità rock e vicine alla musica popolare; dal punto di vista dei testi, troviamo  come sempre riferimenti all'attualità ed alla storia. Le sue canzoni,  di ispirazione intimista, letterario-poetica , lo hanno reso uno dei cantautori più importanti dell'attuale scena musicale italiana.

  • Il Castel dell'Ovo

    Il Castel dell'Ovo

    Il suo nome deriva da una antica leggenda secondo la quale Virgilio(considerato un mago nel medioevo) vi avrebbe nascosto un uovo ...

  • CARMEN CONSOLI TEATRO AUGUSTEO

    CARMEN CONSOLI TEATRO AUGUSTEO

    CARMEN CONSOLI  IN CONCERTO

    TEATRO AUGUSTEO 7 MARZO ORE 21:0 " L' ABITUDINE DI TORNARE "
      
    I temi affrontati nell'album sono diversi, alternandosi episodi più introspettivi ad altri che hanno un occhio rivolto verso la società attuale.

  • San Francesco di Paola

    San Francesco di Paola

    La chiesa venne eretta nel 1816 per volere di re Ferdinando IV al suo ri­torno, dopo il decennio di governo Francese a Napoli.

  • AMY STUART "LA VIA DEL SUCCESSO"

    AMY STUART "LA VIA DEL SUCCESSO"

    TEATRO AUGUSTEO dal 01aprile
    AMY STUART "LA VIA DEL SUCCESSSO"

    Questo spettacolo, è liberamente ispirato alla carriera del gruppo vocale femminile statunitense "Diana Ross & The Supremes", in auge negli anni '60, che grazie al team produttivo della Motown Records, arrivarono con dodici singoli, in vetta alla classifica.

    La nostra storia richiama in più punti la carriera di questo epocale gruppo femminile, inserendo dati chiaramente riconducibili alla loro carriera. L’avvio si ha in una scuola di musica di Detroit, dove tre amiche, tre ragazze di colore, Karen, Mary e Frenchie, fanno parte dello stesso gruppo di studi. Siamo fra gli anni 60 e 70, hanno talento, e la loro ambizione è di mettere in scena uno spettacolo musicale. Grazie ai contatti di Frenchie, riescono ad arrivare a New York per incontrare Martin Thomas, il più importante manager di musica afroamericana, che crede nelle loro innegabili doti vocali, ed organizza un concerto nel prestigioso Saint James Theatre di New York.

    Il repertorio musicale scelto sono i maggiori successi soul e R&B. Parliamo della cultura afroamericana, che ha dimostrato al mondo intero di avere una propria identità influenzando all’epoca quasi un decennio, e che è rimasta nel cuore e nella mente di tanti. Artisti come James Brown, Aretha Franklin, Marvin Gaye, Tina Turner, Otis Redding e i successi delle stesse Supremes.

  • Santa Brigida

    Santa Brigida

    La chiesa venne fondata come piccolo ­oratorio nel 1609 sul luogo dove, secondo una leggenda popolare, Santa Brigida era solita pregare ai tempi della visita a Napoli della Regina Giovanna I.

  • EDUARDO DE CRESCENZO IN "ESSENZE IN JAZZ"

    EDUARDO DE CRESCENZO IN "ESSENZE IN JAZZ"

    23 FEBBRAIO TEATRO AUGUSTEO
    EDUARDO DE CRESCENZO
    Essenze jazz è un concerto acustico, rigoroso eppure appassionato. Controtendenza, antico e modernissimo perché porta in scena solo "l'essenza" dell'arte: l'emozione. Intreccia passato e futuro; i "generi musicali" hanno confini sfumati, relativi. Del jazz cattura le atmosfere, il gusto per la composizione estemporanea, lascia vivere con toccante emozione quella straordinaria capacità di Eduardo di far "suonare la voce", di piegarla ora alle esigenze "del fisarmonicista", ora a quelle del "vocalist"  o "dell'interprete".

  • Santa Maria la Nova

    Santa Maria la Nova

    Quando nel 1300 Carlo d'Angiò, decisa la costruzione del Maschio Angioino (Castel Nuovo), concesse ai frati francescani, che avevano ...

  • GREASE TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    GREASE TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    GREASE 9 MARZO 2016 ORE 21:00 TEATRO PALAPARTENOPE

    È SEMPRE GREASEMANIA!
    LO SPETTACOLO CHE HA DATO IL VIA ALLA MUSICAL-MANIA IN ITALIA HA COMPIUTO 18 ANNI E TORNA CON UNA NUOVA EDIZIONE DI JIM JACOBS E WARREN CASEY REGIA SAVERIO MARCONI.

    GREASE, il musical dei record, con oltre 1.500.000 spettatori, torna a grande richiesta con una nuova edizione per festeggiare la “maggiore età”. Un vero e proprio fenomeno di costume “pop” che fa impazzire gli spettatori e guarda alle nuove generazioni, con l’intramontabile storia d’amore tra Danny e Sandy e tanto rock’n’roll. GREASE ha cambiato il modo di vivere l’esperienza di andare a teatro: è una festa da condividere con amici, figli, famiglie intere o in coppia, è trascorrere due ore spensierate, è non riuscire a restare fermi sulle poltrone ma scatenarsi a ballare, tra gonne a ruota, giubbotti di pelle e, naturalmente, tanta brillantina.
    Un mondo perfetto, quello di GREASE, il cui segreto forse è l’energia travolgente degli interpreti (oltre 165 i performer che, nelle varie edizioni, si sono alternati sui palcoscenici di tutta Italia).

  • Chiesa del Gesù Nuovo

    Chiesa del Gesù Nuovo

      Il capolavoro dell’arte barocca a Napoli. Fu costruita nel XVI secolo dai gesuiti sul luogo del rinascimentale Palazzo Sanseverino, di cui conserva ...

  • CLAUDIO BAGLIO E GIANNI MORANDI IN CAPITANI CORAGGIOSI TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    CLAUDIO BAGLIO E GIANNI MORANDI IN CAPITANI CORAGGIOSI TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    Claudio Baglioni e Gianni Morandi – Capitani Coraggiosi 02/03/2016 ORE 21:00 TEATRO PALAPARTENOPE

    Dopo il clamoroso successo dei dodici eventi di settembre, nell’Arena Centrale del Foro Italico di Roma e delle due trionfali serate in diretta tv del 6 e 7 ottobre, su RaiUno, a grandissima richiesta e chiamata, i “Capitani Coraggiosi” – Claudio Baglioni e Gianni Morandi – si riuniscono e partono, per la prima volta insieme in tour, da febbraio, con un giro esclusivo che comprende Padova, Milano, Firenze, Napoli, Roma, Acireale, Eboli, Torino e Bologna.

    Una serie di nuovi favolosi concerti, per tre ore di straordinaria musica dal vivo e 50 memorabili titoli del repertorio italiano degli ultimi cinquant’anni, eseguiti con un supergruppo di polistrumentisti, in uno spazio scenico innovato e spettacolare nei grandi spazi delle arene indoor delle 9 città italiane.

  • San Lorenzo Maggiore

    San Lorenzo Maggiore

    La chiesa fu edificata nel secolo XIII sul luogo di una basilica paleocristiana del VI secolo in forme gotiche,che conserva ancore al suo interno, mentre la facciata è un rifacimento del XVII secolo .

  • NOTRE DAME DE PARIS TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    NOTRE DAME DE PARIS TEATRO PALAPARTENOPE DI NAPOLI

    NOTRE DAME DE PARIS – DAL 21 AL 24 APRILE

    NOTRE DAME DE PARIS – DAL 21 AL 24 APRILE 2016

    A grande richiesta ritorna in scena NOTRE DAME DE PARIS ,l’opera moderna più famosa al mondo. Uno spettacolo rivoluzionario che ha battuto ogni record di pubblico e critica. Notre dame de Paris di Riccardo Cocciante, Luc Plamondon e Pasquale Panella (versione italiana) e prodotta da David Zard.

    Notre Dame de Paris – la musica non è mai stata così spettacolare.

    GIOVEDI’ 21 APRILE ORE 21.00
    VENERDI’ 22 APRILE ORE 21.00
    SABATO 23 APRILE ORE 16.00 E ORE 21.00
    DOMENICA 24 APRILE ORE 17.00

  • San Domenico Maggiore

    San Domenico Maggiore

    Principale chiesa dei dominicani, fu ricostruita sotto il regno di Carlo II d'Angiò in stile gotico (1283-1324), ingloban­do la ...

  • CARMEN DI ENZO MOSCATO, ADATTAMENTO MARIO MARTONE TEATRO BELLINI NAPOLI

    CARMEN DI ENZO MOSCATO, ADATTAMENTO MARIO MARTONE TEATRO BELLINI NAPOLI

    Carmen nelle mani di Mario Martone svela la sua natura più intima e popolare, tra zarzuela e bassi napoletani. Scrive il regista: «Quando ho pensato di dare vita con l’Orchestra di Piazza Vittorio a una Carmen napoletana, secondo i modelli del teatro musicale popolare che vanno da Raffaele Viviani alla sceneggiata, ho proposto a Enzo Moscato di scriverne il testo, chiedendogli un copione in cui ci fossero dialoghi e personaggi ispirati alla tradizione, ma guardando alla novella di Mérimée oltre che all’opera di Bizet. Quel che mi ha sempre affascinato della novella è il fatto che la vicenda è rievocata: Mérimée immagina che Don José gliela racconti in prigione, la sera prima di morire impiccato. Enzo ha colto al volo questa indicazione e ha scritto un testo che si muove su due piani, quello del racconto al presente e quello passato dell’azione rievocata. Ne è nato lo spettacolo che vedrete, in cui procedono di pari passo le parole di Mérimée e dei librettisti Meilhac e Halévy completamente reinventate da Moscato e la musica di Bizet trasfigurata da Mario Tronco con Leandro Piccioni e l’Orchestra di Piazza Vittorio. La contaminazione è totale: Napoli si pone come centro di un mondo latino fatto di nomadismi, dalla Spagna alla Francia e, via via trasmigrando, fino a Tunisi. La lingua e la musica sono al centro di tutto, il vortice che tutto attrae: l’amore, la passione, il tradimento, la libertà e la violenza, l’allegria e il dolore, il mistero. Non c’è un’epoca definita (anche se sentiamo balenare tanto la Napoli del dopoguerra quanto quella della criminalità dei nostri giorni), non c’è la Micaela dell’opera (che in Mérimée non esiste, serviva a Bizet per ragioni morali e musicali). Soprattutto, nel testo di Enzo Moscato, la protagonista non muore: a raccontare al “forestiero” (cioè a tutti noi) quanto è successo non c’è più solo Don José, anche Carmen prende finalmente parola».

    Dal 12/04/2016 al 24/04/2016

     

  • Santa Chiara

    Santa Chiara

    Fu costruita fra il 1310 ed il 1328, per volere di Rober­to d'Angiò e della moglie Sancia, in stile gotico-provenzale .

  • ARANCIA MECCANICA DI ANTHONY BURGESS TEATRO BELLINI NAPOLI

    ARANCIA MECCANICA DI ANTHONY BURGESS TEATRO BELLINI NAPOLI

    Arancia meccanica, è il romanzo che Anthony Burgess scrisse nel 1962, divenuto un cult grazie alla trasposizione cinematografica che ne fece Stanley Kubrick nel 1971. A distanza di oltre cinquant'anni dalla sua stesura, ci si rende conto di quanto Burgess avesse saputo guardare oltre il suo tempo presagendo, attraverso la storia di Alex e dei suoi amici Drughi, una società sempre più incline al controllo delle coscienze e all'indottrinamento verso un "pensiero unico". La messinscena di Gabriele Russo parte dall'adattamento drammaturgico che lo stesso Burgess fece del romanzo e rimane fedele alla volontà del testo originale di porre delle domande e di scuotere le coscienze. Sceglie di farlo attraverso un originale e raffinato racconto per immagini e suoni, dove le scene di Roberto Crea e le musiche di Marco Castoldi, in arte Morgan, sono parte integrante della narrazione, agiscono con gli attori, tasselli di un lavoro dall'estetica mozzafiato e dall'emotività dirompente. Un meccanismo perfetto, che riesce a incantare ma, al tempo stesso che spinge a una seria riflessione sulla libertà di scelta e sul vero significato della parola "libertà". Dopo il successo delle passate stagioni lo spettacolo è di nuovo in tournèe in Italia e farà ancora una volta tappa nel Teatro che ne ha decretato il successo.

    Dal 18/03/2016 al 20/03/2016
  • Il Duomo

    Il Duomo

    La sua costruzione inizio nel 1294 per volontà del re Carlo II d'Angiò sul posto di preesistenti edifici religiosi, alcuni dei quali ...

  • HAMLET TRAVESTIE DA JOHN POOLE E ANTONIO PETITO A WILLIAM SHAKESPEARE TEATRO BELLINI NAPOLI

    HAMLET TRAVESTIE DA JOHN POOLE E ANTONIO PETITO A WILLIAM SHAKESPEARE TEATRO BELLINI NAPOLI

    La compagnia Punta Corsara è una perla del panorama teatrale italiano: nata da un progetto d'impresa nel quartiere napoletano di Scampia, oggi è un'autonoma realtà professionale che può già vantare, nonostante la sua breve storia, numerosi riconoscimenti tra cui il Premio della Critica, il Premio In-Box, il Premio Histrio e due Ubu. Con Hamlet Travestie, mescolando magistralmente l'omonima opera di John Poole – una riscrittura ottocentesca in forma di parodia dell'Amleto di Shakespeare – con l'indimenticabile Don Fausto di Antonio Petito, assistiamo a un lavoro originalissimo che porta in scena le vicende di una famiglia napoletana di oggi: i Barilotto. Questo sgangherato nucleo familiare, già quotidianamente impegnato nella gestione di una bancarella e dei molti debiti da saldare, vede aggravarsi la propria situazione quando uno di loro, il giovane Amleto, sconvolto dalla morte del padre e confuso dal nome che porta, si aliena dalla realtà e si convince di essere condannato allo stesso destino del principe di Danimarca. Da qui, la decisione del resto della famiglia di inscenare l'Amleto di Shakespeare per procurare al ragazzo un salutare shock che lo rinsavisca... I “corsari” creano una messinscena brillante in cui una serie di situazioni tragicamente comiche si dipanano a ritmo serrato, regalandoci uno spettacolo godibilissimo e dimostrandoci quanto possa essere felice il dialogo tra la tradizione farsesca napoletana e il grande teatro europeo.

    Dal 08/03/2016 al 13/03/2016
  • Procida

    Procida

    L'Isola di Procida geologicamente è formata dai resti di quattro vulcani che sono la continuazione di quelli flegrei. Ha coste molto frastagliate ...

  • 10 YEARS SOLO LIVE BRAD MEHLDAU TEATRO BELLINI NAPOLI

    10 YEARS SOLO LIVE BRAD MEHLDAU TEATRO BELLINI NAPOLI

    Nato a Jacksonville nel 1970, Mehldau è un pianista di formazione classica presto converito al jazz. Esordisce giovanissimo, nei primi anni '90 con la band di Jimmy Cobb e poco dopo il sassofonista Joshua Redman lo vorrà nel suo quartetto. 
    Nel 1994 formerà un suo trio che pubblicherà il primo album nel 1995 e, nel giro di pochi anni, conquisterà le platee di tutto il mondo grazie alla sua sensibilità di interprete. Il trio è la formazione che più ha caratterizzato l’attività di Mehldau, con la quale ha realizzato i cinque memorabili album  The Art of the Trio, usciti tra il 1996 e il 2001 e in seguito raccolti in cofanetto con l’aggiunta di un sesto volume; la predilezione per questo format si è mantenuta sino ai giorni nostri.
    Al Teatro Bellini assisteremo a una sua esibizione in piano solo è l’altra dimensione in cui si è meglio fatta apprezzare l’incredibile armonia tra improvvisazione ed equilibrio formale che distingue le esecuzioni di Mehldau, concerti caratterizzati da incursioni nella musica rock: dai Radiohead ai Beatles, passando per Gershwin.
    Pur focalizzandosi sulle situazioni raccolte del trio e del solo, il pianista della Florida non si è sottratto a indimenticabili collaborazioni con altri musicisti come Pat Metheny, Charlie Haden, Lee Konitz, Michael Brecker, Wayne Shorter, John Scofield, Charles Lloyd, Joshua Redman, Peter Bernstein, Kurt Rosenwinkel, Mark Turner o stelle della lirica come Renée Fleming e Anne Sofie von Otter.

    07/03/2016
  • Ischia

    Ischia

    Ischia è la più grande delle isole del golfo di Napoli, come Procida e la vicina Vivara, ha origini vulcaniche . E' conosciuta come "l'isola verde" grazie alla sua ...

  • THE PRIDE REGIA DI LUCA ZINGARETTI TEATRO BELLINI NAPOLI

    THE PRIDE REGIA DI LUCA ZINGARETTI TEATRO BELLINI NAPOLI

    Luca Zingaretti dirige e interpreta, The Pride un testo costruito su un’alternanza tra due storie distinte e separate che si svolgono in periodi diversi: il 1958 e il 2008. In entrambe, i tre personaggi principali condividono gli stessi nomi e, per volere dell’autore, sono interpretati dagli stessi attori, a sottolineare che i personaggi di una storia sono le ombre di quelli dell’altra.
    Le azioni che i tre protagonisti, Philip, Oliver e Sylvia compiono nello specchio del 1958 influenzano e spiegano quelle che avvengono nel 2008. I dialoghi brillanti e divertenti e le acute osservazioni di Alexi Kaye Campbell riescono a disegnare dei personaggi potenti, vitali, alla continua ricerca della propria identità.

     

    Dal 16/02/2016 al 28/02/2016

     

  • Capri

    Capri

    Formata da due altopiani (Capri ed Anacapri) che le danno un profilo inconfondibile. L’isola sorge da un mare profondo, con coste spesso dirupate, incise da ...

  • NAPOLI VS MILAN STADIO SAN PAOLO DI NAPOLI

    NAPOLI VS MILAN STADIO SAN PAOLO DI NAPOLI

    7a giornata di ritorno Serie A
    Domenica 21 Febbraio 2016

  • Villa dei Papiri (Ercolano)

    Villa dei Papiri (Ercolano)

    La più famosa delle lussuose ville di Ercolano è la” Villa dei papiri” che discende verso il mare con quattro piani di terrazze.

  • "PER FORTUNA CHE SONO TERRONE"

    "PER FORTUNA CHE SONO TERRONE"

    Forse basta il titolo per farci capire il discorso che l’autore ci propone, descrivendo i pregi e difetti del Sud in una critica costruttiva. Nelle sue mani, tra risate e gags, monologhi e personaggi, attraverseremo la nostra storia con le sue glorie, e le défaillances che ci hanno tarpato le ali.  E rifletteremo sulle cose positive e negative che nel bene e nel male dobbiamo affrontare per essere consapevoli delle nostre potenzialità.

  • Ercolano

    Ercolano

    Ercolano era una antica citta romana, situata nel terrirorio dell’attuale comune di Ercolano a circa 4 chilometri da Napoli.

  • Pompei

    Pompei

    Pompei fu distrutta e seppellita completamente da una catastrofica eruzione del Vesuvio il 24 agosto del 79 d. C. Il vulcano ricopri Pompei sotto una ...

  • "RAPUNZEL IL MUSICAL" TEATRO AUGUSTEO DI NAPOLI

    "RAPUNZEL IL MUSICAL" TEATRO AUGUSTEO DI NAPOLI

    26 febbraio 2016

    Tratta per il cinema da una favola dei fratelli Grimm,narra di un fiore magico conservato da una strega, che mantiene giovani. Secoli dopo una regina mette alla luce una bambina dai capelli dorati, Rapunzel, bionda come il fiore. Madre Gothel, la strega medioevale alla quale era stato tolto, rapisce la  bambina che ha nei capelli la magia. Ad ogni compleanno della bimba migliaia di lanterne luminose vengono fatte volare nel cielo dalla regina, e Rapunzel, rinchiusa da Madre Gothel  in una torre, chiede di vederle da vicino. Intanto, un furfante egocentrico e affascinante di nome Flynn Rider ruba a Palazzo  il diadema della Principessa Perduta. Scova la torre di Rapunzel e decide di nascondersi, Rapunzel vede in Flynn l'unica speranza di assistere alla Notte delle Lanterne, e stringe con lui un patto: se le farà da guida, lei gli restituirà il diadema che gli ha tolto. La fanciulla comincia a scoprire le bellezze del mondo, ma i due sono inseguiti da Madre Gothel che ha scoperto la fuga del suo "elisir di giovinezza", e dalle guardie reali che cercano l'abile ladro: nel corso delle varie avventure i giovani stringono un legame sempre più complice, Flynn le rivela il suo vero nome, Eugene Fitzherbert, e Rapunzel gli svela il segreto della sua magica chioma. Madre Gothel le restituisce il diadema ma le fa credere che il ladruncolo non la ama, mentre Eugene viene condannato all'impiccagione. Nella torre la fanciulla improvvisamente capisce di essere lei la Principessa Perduta e affronta quindi la strega, che nel frattempo pugnala. Rapunzel la supplica di permetterle di aiutarlo coi suoi capelli magici, promettendo di restare con lei; lui però non accetta che la ragazza perda la libertà, e le taglia definitivamente i capelli, che si scuriscono; Madre Gothel comincia immediatamente ad invecchiare, inciampa nei capelli tagliati di Rapunzel e precipita dalla torre. Rapunzel tenta invano di utilizzare la magia dei suoi capelli, ma una sua lacrima cade sulla guancia del giovane, guarendo in tempo la ferita. Ora Rapunzel, la Principessa Perduta, è finalmente libera e fa ritorno dai veri genitori.

  • La Cappella del tesoro di San Gennaro

    La Cappella del tesoro di San Gennaro

    La Cappella dove è stipato il tesoro del santo resta tra le meraviglie architettoniche ma soprattutto ebanistiche e d’oreficeria della tradizione napoletana.

  • "NON C'E' DUE SENZA...TE" TEATRO AUGUSTEO NAPOLI

    "NON C'E' DUE SENZA...TE" TEATRO AUGUSTEO NAPOLI

    Una compagnia giovane e molto brava, in cui vediamo in scena due figli d’arte dal nome famoso, Carlotta Proietti, figlia del grande Gigi, e Marco Morandi, figlio dell’amatissimo Gianni, che con  Claudia Campagnola e Matteo Vacca si cimentano in una commedia con musiche e regia di Toni Fornari, “NON C’E’ DUE SENZA…TE”.
    Mariateresa è una scrittrice di romanzi, sposata con Giorgio, professore di matematica, e con Danny, un musicista sognatore che vive nel suo mondo, ignaro di tutto (per lui lei è Teresa). Mariateresa, con la scusa degli impegni di lavoro con la casa editrice che la trattengono lontana da casa, trascorre il suo tempo alternativamente con l’uno e con l’altro marito, e le cose sembrano funzionare. Un giorno, mentre è con la sua amica editrice Sara, ha dei mancamenti e delle nausee. Sara ha un test di gravidanza nella sua borsa e lo da a Mariateresa che scopre di essere incinta. Chi sarà mai il padre? Cosa deve fare ora?

  • Decumano Superiore - Via Anticaglia

    Decumano Superiore - Via Anticaglia

    Da Vico San Gaudioso passando per Largo SS Apostoli fino a Piazza Sant'Anna a Capuana, il decumano superiore è parte integrante della città Greco-romana.

  • "LEI E' RICCA,LA SPOSO E L'AMMAZZO". TEATRO AUGUSTEO NAPOLI

    "LEI E' RICCA,LA SPOSO E L'AMMAZZO". TEATRO AUGUSTEO NAPOLI

    GIANFRANCO JANNUZZO E DEBORA CAPRIOGLIO in una divertente commedia liberamente ispirata al celebre film del 1971 di Elaine May con Walter Matthau, e al racconto di Jack RichtieLEI  ERICCA, LA SPOSO E LAMMAZZO
    Gianfranco Jannuzzo
    , con Debora Caprioglio,  per la regia di Patrick Rossi Castaldi. Un ricco scapolo ha scialacquato tutti i soldi lasciatigli in eredità dal padre. Arrivato alla bancarotta è costretto a farsi prestare del denaro da un mafioso, a condizioni decisamente svantaggiose, per riuscire a far innamorare di sé una donna che sia però ricca e sola. Piuttosto che passare il resto della sua vita in miseria Henry è disposto a rinunciare alla sua vita di scapolo, ma solo temporaneamente. Il suo piano infatti è quello di sposarla, ucciderla, ereditare e ricominciare a godersi la vita come aveva fatto fino a quel momento. Nasce così una anomala e divertente storia d’amore tra l’ex milionario spiantato ed una ricca, ma goffa ereditiera appassionata di insetti, che si potrà uccidere o amare… Una inedita coppia di attori in scena per regalare al pubblico novanta minuti all’insegna del buonumore!

  • Decumano Maggiore - Via dei Tribunali

    Decumano Maggiore - Via dei Tribunali

    L'attributo di "maggiore" indica la sua rilevanza all'interno dell'antico organismo urbano, vera e propria spina dorsale della città, simboleggiata anche dalla presenza dell'antico ...

  • DOLORE SOTTO CHIAVE, UN PO' DI DE FILIPPO AL TEATRO SAN FERDINANDO

    DOLORE SOTTO CHIAVE, UN PO' DI DE FILIPPO AL TEATRO SAN FERDINANDO

    6-17 gennaio

    Francesco Saponaro porta in scena con la sua regia Dolore sotto chiave, l’atto unico di Eduardo De Filippo che fa parte della raccolta Cantata dei giorni dispari e che ha come temi centrali della narrazione la profondità e i paradossi dell’animo umano. 

    Dolore sotto chiave viene rappresentata per la prima volta nel 1964 per la riapertura del Teatro San Ferdinando. Protagonisti di una vicenda alquanto surreale i fratelli Capasso. 

    Lucia Capasso, approfittando delle frequenti assenze per motivi di lavoro di suo fratello Rocco, gli ha nascosto la morte della moglie. La donna ha agito così temendo che Rocco, per il dolore, potesse compiere una sciocchezza ma in realtà gli eventi prenderanno una piega comica e inaspettata. 

  • Decumano Inferiore - Spaccanapoli

    Decumano Inferiore - Spaccanapoli

    E' la zona compresa tra Piazza San Domenico Maggiore e la chiesa diSanta Chiara in piazza del Gesù Nuovo che in epoca Greca costituiva una zona extraurbana, ovvero al di ...

  • RAZZULLO E SARCHIAPONE, LA CANTATA DEI PASTORI AL TEATRO DELLE PALME DI NAPOLI

    RAZZULLO E SARCHIAPONE, LA CANTATA DEI PASTORI AL TEATRO DELLE PALME DI NAPOLI

    25 dicembre

    Giovanni Mauriello, con la partecipazione di Benedetto Casillo metterà in scena al Teatro delle Palme di Napoli l’opera teatrale Razzullo e Sarchiapone nella Cantata dei Pastori che potrà fregiarsi anche delle musiche originali e delle elaborazioni create da Carlo Faiello. 

    Sarchiapone e Razzullo sono due personaggi della Cantata dei Pastori, opera scritta nel 1698 daAndrea Perrucci che ha come tema principale il viaggio che Maria e Giuseppe fecero verso Betlemme per mettere al mondo il Bambino Gesù e di tutte le peripezie frapposte sul loro percorso dai Diavoli. 

    La rappresentazione dell’opera venne anche sospesa a causa della tendenza a banalizzarne sempre di più il contenuto. Il della coppia Casillo-Mauriello riprende invece il rapporto tra le maschere di Razzullo e Sarchiapone.

  • Stazione Materdei

    Stazione Materdei

    La stazione di Materdei è stata aperta il 5 luglio 2003, disegnata dall'Atelier Mendini come quella di Salvator Rosa, questa stazione è un trionfo di colori e di temi ...

  • SOLO ANDATA, IL MONOLOGO DI ERRI DE LUCA AL BELLINI

    SOLO ANDATA, IL MONOLOGO DI ERRI DE LUCA AL BELLINI

    23 dicembre 2015-2 gennaio 2016

    Solo Andata è un monologo scritto da Erri De Luca che intende accendere un faro di approfondimento su una tematica molto attuale e fonte di polemiche quasi quotidiane:l’immigrazione. 

    Protagonista Antonello Cossia che si avvale dell’accompagnamento musicale di Francesco Sansalone, voce e chitarra, mentre vengono proiettate sullo sfondo alcune immagini scelte dal fotografo Mario Laporta da quelle prodotte dall’Agenzia Fotogiornalistica Controluce, che documentano il dramma dei viaggi della speranza che i clandestini sono costretti ad affrontare per sperare in una vita migliore. 

    Il tutto affrontato con la delicatezza e l’immedesimazione, proprie di un grande autore come Erri De Luca. 

  • Stazione Vanvitelli

    Stazione Vanvitelli

    La stazione della centralissima Piazza Vanvitelli, al Vomero, rappresenta un punto nevralgico del sistema di trasporto su ferro napoletano: la vocazione commerciale del quartiere, l'elevata concentrazione ...

  • SIRENE, SCIANTOSE, MALAFEMMENE ED ALTRE STORIE DI DONNE VERACI

    SIRENE, SCIANTOSE, MALAFEMMENE ED ALTRE STORIE DI DONNE VERACI

    27 novembre 2015

    Un recital antimisogino sulla donna nella canzone napoletana, sulle donne della canzone napoletana, che mette al centro una delle moderne protagoniste della canzone napoletana. Testo, canzoni e videoproiezioni raccontano la città al femminile, e le sue donne. 

    Femmene, malafemmene, mamme, puttane, figlie, trans. Un filo narrativo ironico, in cui, a tratti, spuntano anche i ricordi personali di Monica, tra stralci di letteratura, teatro. Monica veste da sciantosa (ma la giarrettiera è di cuoio e nasconde una pistola alla Lara Croft), da bammenella, da primadonna postmoderna, da brava ragazza in jeans e maglietta: si cambia in scena, dietro un paravento, continuando il suo racconto. Al suo fianco un musicista elettronico/dj e una band. Poi un'un'attrice e una ballerina, di flamenco. 

  • Stazione Dante

    Stazione Dante

    La stazione di piazza Dante ha aperto i battenti il 27 marzo 2002, con una cerimonia di inaugurazione presieduta dal presidente della Repubblica Ciampi.

  • I PROMESSI SPOSI, UN'OPERA MODERNA AL PALAPARTENOPE

    I PROMESSI SPOSI, UN'OPERA MODERNA AL PALAPARTENOPE

    26 novembre 2015

    Promessi Sposi, un pilastro della cultura italiana, rivive sotto forma di opera musicale alPalapartenope di Napoli

    Una rivisitazione a metà tra il musical e il rock, un'opera moderna a cura del genio musicale diMichele Guardi e Pippo Flora

    Un modo speciale per avvicinare i giovani d'oggi ad una colonna della nostra letteratura, ma anche un modo di ripassare i tratti salienti del capolavoro visto sotto un'ottica diversa da solito.

  • Stazione Museo

    Stazione Museo

    La stazione Museo rappresenta un importante nodo del sistema Metronapoli, sia per la posizione e gli intensi flussi turistici, sia per la presenza del nodo di interscambio ...

  • LUCIO CAIZZI, KOMIKAMENTE AL TEATRO DIANA

    LUCIO CAIZZI, KOMIKAMENTE AL TEATRO DIANA

    25-30 novembre 2015

    Una serata all'insegna della spensieratezza e del divertimento. Lucio Caizzi torna sul palco con il suo spettacolo chiamato Komikamente

    Una analisi scanzonata sulla società dei tempi nostri con l'unico obiettivo di strappare un sorriso alla platea. 

    Lucio Caizzi può vantare un'esperienza trentennale sui palchi del cabaret e nei palinsesti televisivi. Lo spettacolo andrà in scena per una settimana nella storica cornice del Teatro Diana.  

  • Stazione Rione Alto

    Stazione Rione Alto

    La seconda uscita della stazione Rione Alto è stata inaugurata nel dicembre 2002, ed è entrata a far parte del novero delle stazioni dell’arte per la presenza di numerose installazioni ...

  • L'ORESTEA AL TEATRO MERCADANTE DI NAPOLI

    L'ORESTEA AL TEATRO MERCADANTE DI NAPOLI

    24 novembre-20 dicembre 2015

    Il teatro Mercadante di Napoli ospiterà l’Orestea, la trilogia formata dalle tragedie Agamennone, Le Coefore, Le Eumenidi e seguita dal dramma satiresco Proteo, andato perduto, con cui Eschilo vinse nel 458 a.C. le Grandi Dionisie. 

    L’allestimento del regista Luca De Fusco prevede la divisione in due parti: Agamannone e Coefore e le Eumenidi. Questa versione de L’Orestea prevede anche un tappeto musicale, la cui partitura è stata curata da Ran Bagno, celebre compositore israeliano. 

    Su queste note avvolgenti si muoveranno le sensuali coreografie di Noa Wertheim, direttrice dellaVertigo Dance Company.

  • Stazione Quattro Giornate

    Stazione Quattro Giornate

    Nella ritrovata piazza Quattro Giornate, che fiancheggia lo stadio vomerese del Collana, la stazione rievoca, da un punto di vista artistico, i giorni che resero Napoli libera durante la Seconda Guerra Mondiale.

  • A CARTOLINA 'E NAPULE, SPETTACOLO MUSICALE DI FEDERICA PIRONE AL TEATRO DELLE PALME DI NAPOLI

    A CARTOLINA 'E NAPULE, SPETTACOLO MUSICALE DI FEDERICA PIRONE AL TEATRO DELLE PALME DI NAPOLI

    12 novembre 2015

    A cartolina ‘e Napule, spettacolo musicale di Federica Pirone con ricerca musicale di Carmen Viviani, verrà messo in scena al teatro Delle Palme di Napoli. 

    Si tratta di un vero e proprio percorso tracciato nell’immenso patrimonio non solo paesaggistico,ma anche architettonico, culturale ed artistico di cui può fregiarsi Napoli, grazie alla musica e alla tradizione napoletana. 

    Uno spettacolo anche molto originale visto che sarà costruito attraverso una serie di quadri ognuno dei quali rappresenta un momento significativo della città e della cultura napoletana. Ogni immagine sarà accompagnata dai brani più belli della tradizione napoletana con l’accompagnamento dell’orchestra dal vivo.

  • Stazione Salvator Rosa

    Stazione Salvator Rosa

     

    Capolavoro della metropolitana di Napoli, esempio di architettura moderna unico per la città. A cura dell'Atelier Mendini (pluripremiato per questa realizzazione), la stazione ha due uscite, aperte ...

  • NORMA TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI

    NORMA TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI

     Teatro San Carlo
     Norma
     dal 21 febbraio al 01marzo

    Opera in due atti di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani, tratto dalla tragedia "Norma, ou L’Infanticide" di Louis-Alexandre Soumet.
    Il soggetto, è ambientato nelle Gallie, al tempo dell'Impero Romano, e presenta espliciti legami con il mito di Medea.

    Musica di Vincenzo Bellini

    Libretto di Felice Romani

    Direttore di Nello Santi

    Regia di  Lorenzo Amato

    Scene di  Ezio Frigerio

    Costumi di Franca Squarciapino

    Nuovo Allestimento del Teatro di San Carlo

    Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo

  • La ricetta della pizza napoletana

    La ricetta della pizza napoletana

    Per ogni litro di acqua ci vogliono 50 grammi di sale, 5 grammi di lievito e 1,8 kg di farina. La farina deve essere aggiunta lentamente, in non meno di dieci minuti, e l'impasto va lavorato per venti minuti ...

  • Il Miglio Sacro

    Il Miglio Sacro

      Un bellissimo itinerario restituito alla città e ai napoletani, prima ancora che ai visitatori ed ai turisti. Un percorso lungo un miglio, dalla tomba di S. Gennaro fino al suo inestimabile Tesoro, custodito nel Duomo.

  • Maccheroni ca Pummarola ncoppa

    Maccheroni ca Pummarola ncoppa

    Cuocere per 10 minuti i pelati frullati con una presa di sale. Lessare la pasta e condirla con metà del sugo, l'olio e l'origano, disporla a strati in una pirofila unta di olio, cospargendo uno strato con fettine di mozzarella e uno strato con fettine di provola ...

  • Cosa si nasconde sotto via Cisterna dell’olio?

    Cosa si nasconde sotto via Cisterna dell’olio?

    C’è un negozio a via Cisterna dove affondano le radici dell’antica via. Il nome dà una vaga idea dell’origine di questa strada del centro però pochi conoscono la sua derivazione.

  • La sfogliatella

    La sfogliatella

    Posta la farina in una capace ciotola, incorporatele 100 g di burro, lo zucchero semolato, un pizzico di sale e la poca acqua sufficiente a ottenere un impasto sodo ed elastico che, datagli la forma di una palla, farete ...

  • L'Arte presepiale a Napoli

    L'Arte presepiale a Napoli

    L’arte presepiale napoletana, eccellenza di Napoli e della Campania, è ammirata in tutto il mondo. Si tramanda da generazioni: le botteghe e i negozi tra via S. Gregorio Armeno e via S. Biagio dei Librai racchiudono secoli di storia e tradizione.

  • La pastiera

    La pastiera

    Fate scongelare la pasta frolla a temperatura ambiente.

    Versate in una casseruola il grano cotto, il latte, il burro e la scorza grattugiata di 1 limone; lasciate cuocere per 10 minuti mescolando ....

  • Piazza del Plebiscito

    Piazza del Plebiscito

    Antico “Largo di palazzo” (reale) sede delle cerimonie pubbliche e feste popolari prese il nome dal plebiscito per l’annessione al regno di Italia del 1861.

  • Il casatiello

    Il casatiello

    La ricetta del casatiello, è uguale a quella del tortano, solo che le uova invece di essere sode e messe all'interno a pezzettini, vengono messe sopra crude e fermate da striscioline di pasta messe a croce sull'uovo.

  • Via Chiaia

    Via Chiaia

    Costituisce tradizionalmente la strada più elegante di Napoli in quanto unisce la zona della reggia alla spiaggia (Chiaja indicava infatti la spiaggia).

  • Impepata di cozze

    Impepata di cozze

    A ‘mpepata e cozze, come viene chiamata a Napoli l'impepata di cozze, è uno dei piatti della cucina italiana più semplici da preparare ma allo stesso tempo uno dei più gustosi e graditi, grazie anche alla sua versatilità: può essere, infatti, servito sia come antipasto che come secondo di pesce.

  • Il Palazzo Reale di Capodimonte

    Il Palazzo Reale di Capodimonte

    Il Palazzo Reale risalta tra il verde cupo del grande parco che lo circonda. Venne iniziato nel 1738 per volere del re Carlo di Borbone ma ...

  • Polipo alla Luciana

    Polipo alla Luciana

    Un antico detto napoletano dice che "O purpo se coce dint’alla’acqua soja", questo perché quando cuoce, tira fuori una quantità notevole di liquido. 

  • Mergellina

    Mergellina

    E uno dei luoghi simbolo di Napoli, cantata per la sua bellezza fin dall’antichità da PlinioSenecaSvetonioTacitoSilio ItalicoStazio e dallo stesso Virgilio, che secondo la leggenda vi compose "le Georgiche".

  • Il brodo di polipo

    Il brodo di polipo

    Si inizia con il pulire il polpo, eliminando la parte interna le visceri e gli occhi. Mettere in una pentola di coccio acqua, sale e pepe e si aspetta l'ebollizione.

  • Santa Lucia al mare

    Santa Lucia al mare

    La chiesa di S. Lucia a Mare  risale al medioevo; secondo una leggenda sarebbe stata eretta da una nipote dell'imperatore Costantino.

  • Il ragù napoletano

    Il ragù napoletano

    Far stendere la carne dal macellaio a mo' di grossa bistecca, che verrà farcita con pinoli, uvetta, noce moscata, salame piccante tritato grossolanamente, e legata con uno spago. 

  • La Villa comunale

    La Villa comunale

    E’ un magnifico, vasto giardino pubblico, piantato a lecci, pini, palme, araucarie e eucalipti, a lato della Riviera di Chiaia, e che si estende fra Piazza Vittoria e Piazza della Repubblica.

  • Il babà

    Il babà

    Mettere nella ciotola girevole dellimpastatrice la farina, lo zucchero, il burro a pezzettini, il sale e il lievito sbriciolato. Avviare le fruste e miscelare il tutto. 

  • Teatro San Carlo

    Teatro San Carlo

    E’ uno dei più importanti e vasti teatri lirici del mondo. Prese il nome da re Carlo III dal quale fu fatto edificare nella prima meta del ‘700.

Scroll to top